Celle robotizzate per finitura superfici: scopri la tecnologia Arcos

Celle robotizzate per finitura superfici: scopri la tecnologia Arcos

BLOG E NOTIZIE

Celle robotizzate per finitura superfici: scopri la tecnologia Arcos

W290-SC-2 (1)

L’andamento del mercato odierno è stato profondamente segnato dal sopraggiungere dell’industria 4.0: la crescente e costante richiesta di prodotto in quantitativi sempre maggiori, ma con livelli qualitativi elevatissimi, ha portato le aziende a rendersi conto di quanto sia realmente necessario adeguare la produzione ai nuovi standard di mercato.

Questa quarta rivoluzione industriale richiede alle aziende un’intensificazione delle attività produttive, infatti, è fondamentale ottimizzare i tempi ed i costi del processo produttivo, rispettando però le risorse disponibili. L’automazione robotica industriale è diventata, per questo, la protagonista del cambiamento 4.0: la sua capacità di riprodurre dettagliatamente il lavoro umano, garantendo risultati identici ripetibili nel tempo, permette non solo di aumentare la produzione giornaliera, ma anche di esulare gli operatori dalle operazioni usuranti o poco gratificanti. La capacità del robot di occuparsi di mansioni rischiose per l’uomo, quali taglio o finitura di superfici, consente di migliorare i livelli di sicurezza all’interno dell’azienda, limitando il rischio di infortunio.

In questo articolo, Arcos introduce una delle sue tecnologie di finitura robotica, le celle robotizzate, e alcuni impianti automatizzati che ha ideato per permettere alle aziende di ottimizzare la produttività, aumentare la sicurezza e superare la concorrenza.

Le isole robotizzate secondo Arcos

Grazie agli enormi progressi effettuati nel campo dell’automazione, è oggi possibile disporre di innovative tecnologie che permettono di migliorare il flusso produttivo della propria azienda e, di conseguenza, rimanere competitivi all’interno dei nuovi mercati a sempre maggiore contenuto tecnologico.

Arcos è consapevole che questo cambiamento è destinato ad incrementare e vuole offrire tutta la sua competenza sui processi di finitura automatizzata per fornire ai propri clienti i migliori sistemi di integrazione.

Tra le tecnologie per la finitura di superfici, le celle robotizzate rappresentano la soluzione più versatile e personalizzabile per quelle realtà con elevata attività produttiva. A seconda delle necessità, nelle celle di lavoro automatiche possono essere installati: uno o più robot programmabili, tavole girevoli per il carico-scarico manuale dei pezzi oppure nastri trasportatori per il trasporto automatico, centri di lavoro alternativi con robot multifunzione, unità per il lavaggio o la foratura e ogni altro elemento necessario appositamente studiato e creato per la lavorazione richiesta.

Infatti, le isole robotizzate Arcos sono create per soddisfare tutti gli standard di automazione industriale e adattarsi alle esigenze produttive di ogni settore, ma, soprattutto, per massimizzare, velocizzare e semplificare un modulo produttivo completo e raggiungere gradi elevati di ripetibilità della qualità del prodotto.

Le mansioni svolte da ogni cella robotizzata sono caratterizzate da tempi ciclo ridotti e da uno scarso margine di errore, con conseguenziale calo dei costi a favore di un aumento reale della qualità del prodotto finito.

Inoltre, grazie alla programmabilità dei robot Arcos è possibile utilizzare l’isola robotizzata con flessibilità e adattarla velocemente ai cambiamenti di produzione senza apportare modifiche: basterà modificare l’operazione richiesta alla cella per procedere con i nuovi processi produttivi.

Le isole robotizzate Arcos sono anche dotate di un sistema di raccolta, immagazzinamento e amministrazione dei dati di produzione per una gestione più intelligente della macchina. Infatti, grazie al collegamento diretto con i programmi gestionali aziendali ci sarà una comunicazione continua e costante con i database aziendali, evitando così che i dati possano venire persi. Tali software vengono solitamente appoggiati a dei router permettendo, così, di controllare da remoto l’isola o di risolvere eventuali problematiche.

La profonda conoscenza delle esigenze e dei requisiti di sicurezza sviluppata da Arcos in anni di esperienza permette di realizzare tecnologie su misura per ogni necessità. Tale capacità ha permesso a molti settori, tra cui quello aeronautico e aerospaziale o quello automotive, di migliorare il processo produttivo attraverso l’installazione di macchine per l’automazione capaci di rispondere alle più alte esigenze.

Infatti, questo tipo di automazione robotizzata trova applicazione in qualsiasi settore industriale (moda e lusso, medicale, aeronautica, meccanica, arredo e design, alimentare, ecc.) e, qualunque sia la mansione svolta da una cella robotizzata, l’output sarà preciso e affidabile.

Automatizzare il processo produttivo per la salute degli operatori

L’installazione di automazioni robotizzate all’interno dell’azienda ricopre, inoltre, un ruolo fondamentale nella costruzione di un ambiente più sicuro e stimolante per il personale operativo. Infatti, i rischi per gli addetti possono essere molteplici: rischi infortunistici, come traumi o schiacciamenti provocati dalla movimentazione dei pezzi e cadute; lesioni dovute all’utilizzo di utensili particolarmente pericolosi o affilati; malattie professionali causate dagli incarichi ripetitivi; malattie respiratorie dovuti alla dispersione di polveri durante il lavoro e patologie causate dalla vibrazione degli utensili.

Le celle robotizzate contribuiscono quindi a creare un ambiente di lavoro più sicuro e affidabile: l’operatore, infatti, viene esonerato dallo svolgimento in prima persona di processi produttivi pericolosi o ad alto rischio di infortunio, ma svolgerà operazioni di supporto alla cella. In questo modo verranno sostituite quelle mansioni definite alienanti e rischiose con lavori a più alto coinvolgimento del personale. Gli operatori, tramite una formazione realizzata dagli esperti Arcos, impareranno a programmare le celle robotizzate a loro assegnate, abbandonando definitivamente gli incarichi manuali.

La sicurezza non è offerta solo nel passaggio da un lavoro manuale a uno automatizzato, ma anche nei sistemi di sicurezza installati nelle isole robotizzate Arcos: ogni cella dispone di cabine di protezione insonorizzate e aspirate e di un sistema di supervisione HMI – Human Machine Interface che consente di monitorare il lavoro della macchina attraverso display, pannelli di controllo e computer.

Conclusione

Grazie alle celle robotizzate è iniziata una nuova era per il settore industriale e per i suoi operatori: questi sistemi robotizzati sono caratterizzati da un livello di autonomia molto elevato che consente di coprire i turni notturni e festivi anche senza l’intervento degli operatori, garantendo tempi di produzione maggiori, massimizzando i livelli di produzione e garantendo un tempo ciclo minore, seppur mantenendo alti standard qualitativi. Inoltre, l’inserimento di celle automatizzate nella catena di produzione consente di garantire un maggiore livello di sicurezza sul lavoro, permettendo al personale di limitare i rischi di infortunio dovuti a mansioni ripetitive o pericolose.

Consapevole dell’impatto che la rivoluzione industriale ha sull’organico aziendale, Arcos offre un servizio di assistenza sui sistemi robotici e una formazione a 360° calibrata sulle conoscenze tecniche degli operatori per consentire di ottenere risultati eccellenti dall’utilizzo dei sistemi automatici Arcos.

Grazie alla collaborazione tra ingegneri, esperti e clienti, Arcos studia e sviluppa isole robotizzate su misura e per ogni esigenza. L’affidabilità, la versatilità e la personalizzazione che caratterizzano gli impianti Arcos li rendono la migliore risposta per ogni problema di finitura e necessità produttiva.

Se anche tu vuoi far parte dell’industria 4.0 non esitare a contattarci: il team Arcos sarà a tua disposizione per rispondere ad ogni tua domanda.

RICHIEDI CONSULENZA PER IL TUO PROGETTO DI AUTOMAZIONE

    Ehi, aspetta!Vorresti conoscere le ultimissime novità tecnologiche Arcos?

    Iscriviti qui alla nostra newsletter spaziale: